martedì 21 aprile 2020

Amande chocolat.

tarte almande chocolat
Ci sono innumerevoli momenti della giornata, e soprattutto di queste giornate, in cui mi ritrovo a pensare a episodi apparentemente insignificanti. Lo faccio sempre con un velo di amarezza, perché mi dico che per quanto possano sembrare banali, ero felice. Una spesa al supermercato fatta per procacciarsi gli ingredienti necessari per una torta, una passeggiata all'aria aperta immersi nel silenzio della natura, dei respiri affannosi, dei passi sullo sterrato, una mano nella mano. I colori del tramonto, la mia pizza preferita, un film condiviso, il momento dell’assaggio di una crostata che ho preparato per la prima volta. L’aria frizzante la mattina mentre corro verso l’ospedale e il sentirmi sempre meno inadeguata tra quelle mura, ma lottando costantemente contro i miei sensi di inferiorità. Una cena in giardino, i colori dei fiori, i rientri senza un orario, le luci tremolanti sull'acqua del lago. 

Il bar con le meringhe di Arona e quella strada che conosco a memoria. I cespugli di rose di Stresa e quei biscotti che ancora devo assaggiare. La musica in macchina, io che saltello sul sedile. La routine delle lezioni in università, il momento delle pause caffè, che poi in realtà non rinuncio quasi mai al cappuccino, io. Una serie di fotogrammi, una serie di sequenze di attimi improvvisati. Possono non sembrare momenti grandiosi, ma spesso provo il desiderio di riviverli tutti. Di rivedermeli tutti come un piccolo filmato. E mi rendo conto che quando mi ci trovo dentro, non li vivo con lo stesso desiderio e con la stessa intensità che mi porta ad apprezzarli e ad esserne grata a posteriori.  “Quando siete felici, fateci caso” diceva qualcuno. 


Tarte amande chocolat
(ispirata ad una ricetta di Sale&Pepe)
Ingredienti (per uno stampo di 24 cm di diametro):
Per la pasta brisée:
farina 00, 220 g
zucchero, 40 g
burro, 110 g
uova, 1
aceto di mele, 2 cucchiai
Per il ripieno:
burro, 50 g
zucchero, 175 g
mandorle, 150 g
uova, 4
fecola di patate, 60 g
cioccolato fondente al 70%, 100 g
latte (vaccino o vegetale), 300 g

Per fare la pasta brisée, unire nella ciotola di un mixer la farina con lo zucchero e il burro e azionarlo fino ad ottenere un composto a briciole; unire l'uovo sbattuto con l'aceto di mele e aggiungerlo agli altri ingredienti, impastare con il mixer fino ad ottenere un impasto semi-formato, lavorandolo poi con le mani per ottenere una palla liscia ed omogenea. Coprirlo con un foglio di carta d'alluminio e lasciarlo in frigorifero per almeno un'ora.

Stendere l'impasto a circa mezzo mm di spessore, foderare una tortiera di 24 cm di diametro e bucherellare il fondo con una forchetta, quindi mettere da parte.

Per fare il ripieno, tritare le mandorle con 50 g di zucchero e mettere da parte. 
In una casseruola, sciogliere il burro, aggiungere la fecola setacciata mescolando con una frusta per evitare la formazione di grumi. Versare il latte, poi lo zucchero e il cioccolato tritato. 
Cuocere la crema a fuoco basso fino a che non si sarà addensata, continuando a mescolare. Non deve raggiungere il bollore.
Quando si sarà addensata, togliere dal fuoco e aggiungere le mandorle tritate con lo zucchero restante. Lasciare intiepidire continuando a mescolare di tanto in tanto; una volta intiepidita, aggiungere le uova sbattute con una forchetta, facendole assorbire completamente dalla crema. 

Versare la crema nel guscio di pasta brisée e cuocere in forno già caldo a 180°C per circa 40-45 minuti.
Lasciare raffreddare e servire tiepida o fredda, eventualmente con una spolverata di cacao amaro e delle mandorle a lamelle.

1 commento: