martedì 9 giugno 2020

Vegan roll cake

vegan black forest roll cake
Ho visto i suoi occhi illuminarsi. "Ti piace?". Ha annuito con la testa come può fare solo chi ha la bocca piena. Ma io ho capito senza troppa difficoltà che questa è stata una delle torte meglio riuscite di sempre, e che nell'ultimo periodo avrò rifatto almeno cinque volte per riportarvi tutti gli accorgimenti del caso. Ma facciamo un passo indietro: il rotolo, il signor rotolo, mi ha sempre messo un po' di timore. Il timore che si rompesse sotto i miei occhi. E anche se quello originale è più una frittata che un rotolo, e le uova lo rendono elastico al punto giusto, questo è un altro paio di maniche. Eppure è più semplice di quanto possa sembrare e davvero irresistibile.

Anche se questi giorni sono stati tutt'altro che caldi, siamo pur sempre in estate e, si sa, il forno diventa per pochi temerari. Per questo penso che non ci sia dolce più adatto di un rotolo che cuoce in poco tempo e che racchiude un ripieno fresco e cremoso, che inumidisce l'impasto e lo rende scioglievole. Ricordando i sapori di una torta sontuosa come la foresta nera, ma per chi come me è pigro o ha semplicemente poco tempo, e non vuole rinunciare a stupire i propri ospiti.

Se vi state chiedendo "ma non si rompe?", la risposta è NO. Nella preparazione tradizionale il rotolo viene fatto raffreddare arrotolato nel canovaccio, poi srotolato e farcito. Non essendoci uova in questo impasto, mentirei se vi dicessi che è elastico quanto una rolade che ne ha dalle quattro alle sei... ma questo problema l'ho risolto con una cottura adeguata e facendolo raffreddare aperto quanto basta per non scaldare troppo il ripieno. Ve lo consiglio anche con della sola marmellata o nella versione bianca con panna e mirtilli. Le nuvole di dolcezza hanno vie infinite!
black forest vegan roll cake

 Vegan roll cake
(ricetta modificata da qui)
Ingredienti:
farina 00, 185 g
amido di mais, 40 g
fecola di patate (o cacao amaro), 2 cucchiai
zucchero a velo, 100 g
lievito per dolci, 2 cucchiaini
bicarbonato, 1/2 cucchiaino
olio vegetale, 50 g
latte vegetale, 170 g
acquafaba, 90 g
succo di limone, 1 cucchiaino
sale, un pizzico
panna (vegetale) da montare, 300 g
confettura di ciliegie, 150 g
ciliegie sciroppate o fresche, q.b.

Unire in un bicchiere il latte e l'aceto o il succo di limone e lasciare riposare mezz'ora per farlo cagliare. In una ciotola, unire l'acquafaba, l'olio e il latte e iniziare a sbattere con le fruste elettriche fino ad ottenere una soluzione (l'olio dovrà essere perfettamente miscelato agli altri ingredienti). Setacciare tutti gli ingredienti secchi e aggiungerli in tre volte ai liquidi, mescolando sempre con le fruste elettriche per evitare la formazione di grumi. Una volta ottenuto un bel composto liscio ed omogeneo, foderare di carta forno una teglia (misura standard, non più piccola) e versare l'impasto distribuendolo uniformemente, avendo cura non ci siano zone di diverso spessore. Dovrete formare un rettangolo grande quanto la teglia, rimanendo a 1 cm dai bordi. Sbattere la teglia sul tavolo per far scoppiare le bollicine d'aria che si saranno formate. Cuocere in forno preriscaldato a 180°C statico per 15-20 minuti, sarà pronto quando la superficie sarà leggermente dorata e sopratutto, esercitando una lieve pressione con il polpastrello, questa cederà leggermente.

Lasciarlo raffreddare per 5 minuti sulla teglia, poi ribaltarlo su un canovaccio rivestito spolverizzato con un po' di zucchero a velo, facendo coincidere il lato corto del rotolo con il lato corto del canovaccio, e togliere delicatamente la carta forno.

Trasferire il canovaccio con il rotolo su una gratella e fare raffreddare aperto per 10-15 minuti (dovrà essere tiepido-freddo), nel frattempo montare la panna fredda di frigo a neve ferma e aggiungere la marmellata. Rifilare i lati del rotolo con un coltello ben affilato, qualora non siano dritti o si siano cotti troppo. Distribuire il ripieno sulla superficie del rotolo, lasciando tre dita libere in corrispondenza del lato corto che non è stato allineato al canovaccio: questo lato rappresenta la chiusura del rotolo. Disporre qualche ciliegia tagliata a metà affondandola delicatamente nel ripieno.

Con l'aiuto del canovaccio arrotolare il rotolo su se stesso, partendo dal lato corto opposto a quello che è stato lasciato libero. Una volta arrotolato tutto, chiudere il rotolo nel canovaccio facendolo appoggiare sul lato della chiusura, che in questo modo si salderà al meglio.

Trasferire in frigorifero per almeno 2 ore prima di servire, formando se si desidera qualche ciuffetto di panna e ultimando con una ciliegia sciroppata per ciascuno. Conservare in frigorifero.

N.B.: per una versione "bianca", sostituite al cacao amaro la fecola di patate e alla marmellata di ciliegie quella di mirtilli.

black forest roll cake

5 commenti:

  1. Confesso che l'ho fatto due volte ma con scarsi risultati. E poi devo dire che effettivamente la quantità di uova mi fa sempre venire un po'la pelle d'oca. Mi fido di te e proverò questa versione vegan

    RispondiElimina
  2. Ma è una meraviglia questa versione vegan!!!! mi piace tantisissimo.. smack

    RispondiElimina