mercoledì 22 febbraio 2012

Torta "Pan di Spagna"

Party cake
Chissà perchè il Pan di Spagna è da sempre la torta di compleanno che ogni bimbo vorrebbe avere. Una di quelle straripanti di fragole e panna montata, oppure con tanti strati dove crema al cioccolato e marmellata si alternano senza un criterio ben preciso. Ma che bisogno c'è che ci sia un criterio? Mica ci deve essere sempre...

Forse, incuriositi dalla "lievitazione sotto le coperte" (non ditemi che non la conoscete) by Mulino Bianco, i festeggiati non possono non desiderare di ricevere un regalo così dolce proprio il loro giorno. E incuriosita lo sono anch'io, inutile negarlo. 
Il colore ambrato, la lievitazione perfetta, la consistenza inconfondibile. Una cosa che richiede tempo, esperienza, precisione in ogni passaggio del procedimento. Probabilmente un giorno inizierò a dare la caccia anche alla ricetta del Pan di Spagna perfetto, che sicuramente non troverei nei ricettari di casa: come i cookies, non fa parte del trio di torte più votate.

Ma è stato proprio mentre sfogliavo uno dei ricettari più recenti, quelli non ancora troppo pasticciati, che mi sono trovata davanti ad una torta che di "pan di Spagna" aveva solo il nome, ma che per la semplicità del suo sapore si avvicina molto a quella che alcuni chiamano addirittura "tecnica".

Forse, con una manciata di confettini colorati, la gioia di qualche bimbo la facciamo comunque. L'importante è che ci siano le candeline accese e tanti amici con cui spegnerle :^)


Torta "Pan di Spagna"
(liberamente modificata dal libro "Deliziosamente dal forno senza glutine", Phil Vickery, Bibliotheca Culinaria)
Ingredienti (per uno stampo da plum cake standard):
Per la torta:
farina 00180 g 
zucchero di canna115 g 
uova2 , a temperatura ambiente
burro80 g, a temperatura ambiente
latte parzialmente scremato120 ml, tiepido
lievito in polvere per dolci2 cucchiaini 
sale1 pizzico
limone, 1/2, scorza grattuggiata

Per la glassa:
zucchero a velo100 g
acqua bollente/succo di limone q.b.
confettini colorati

Preparare la torta: Preriscaldare il forno a 180°. Inumidire o oliare leggermente uno stampo da plum cake standard e foderarlo con carta forno. Mettere da parte.
Setacciare farina, lievito e sale. Passare sotto acqua calda una ciotola capiente (solo l'esterno) e sbattervi il burro con lo zucchero fino ad ottenere una crema. Aggiungere le uova e la scorza di limone, quindi sbattere bene, cercando di incorporare più aria possibile al composto. Incorporare farina e latte in modo alternato, fino ad ottenere una pastella chiara, liscia e morbida. Versare nello stampo preparato, livellare e cuocere per 40 min. circa o comunque fino a quando uno stuzzicadenti infilato al centro del dolce non ne uscirà pulito e asciutto. Non lasciatelo scurire troppo, altrimenti perde morbidezza (si tratta infatti di una torta che si scioglie in bocca, dalla texture quasi impalpabile). Sfornare e lasciare raffreddare completamente nello stampo prima di nappare con la glassa.

Preparare la glassa: In una ciotola, mescolare lo zucchero a velo e acqua bollente/succo di limone con una frusta, aggiungendo il liquido poco alla volta fino a quando non si otterrà una glassa liscia e lucida.

Per assemblare: Nappare la torta, decorare con i confettini colorati e lasciare asciugare la glassa al fresco per un paio d'ora prima di servire.

Uova, latte e burro vanno a temperatura ambiente, quindi se avete intenzione di preparare questa torta lasciateli fuori dal frigorifero per qualche ora prima di iniziare. E' un dettaglio davvero importante  perchè il dolce lieviti bene.

Il trucco della ciotola calda è davvero una cosa nuova per me! Certo quando si montano burro e zucchero è fondamentale che il primo non sia freddo perchè deve diventare una crema, ma se il contenitore in cui si lavora è caldo ci si mette molto meno tempo e gli ingredienti si scaldano in modo uniforme.

Nella ricetta originale la temperatura del forno era di 160°. Già, peccato che dopo 25 min. la torta fosse ancora chiara e poco lievitata -__-". Non conosco esattamente la cottura del pan di Spagna, ma nel caso di questa torta è assolutamente normale, cioè a temperatura media e per una mezz'ora abbondante.

36 commenti:

  1. Bellissima, allegra.
    Proprio la torta che vorrebbero tutti, che sa di buono e di casa :-)

    RispondiElimina
  2. E' simpaticissima con la monpariglia colorata. la vorrei anch'io una torta di compleanno così, acnhe se non ho più l'età per essere una bambina! Un bacio, buona giornata

    RispondiElimina
  3. Davvero: allegra e simpatica!!!! e tu, come sempre, bravissima!!

    RispondiElimina
  4. bella davvero! complimenti!
    neppure io conoscevo questo trucco della ciotola calda, lo terrò a mente quando mi accingerò a fare la prossima torta!

    RispondiElimina
  5. Che darei per poter fare colazione con la tua bellissima torta :) !

    RispondiElimina
  6. La semplicità paga sempre e comunque, con ingredienti di qualità! brava!

    RispondiElimina
  7. e.....Mancano solo gli auguri

    RispondiElimina
  8. Delizioso questo cake che farebbe la felicità di qualsiasi bambino, ne sono certa! E curiosa la tecnica della ciotola calda! Molto olio di gomito in meno :)! Baci

    RispondiElimina
  9. Giusto. Anche io ho sempre pensato che la base di una torta di compleanno era il pan di spagna. Sbagliato! esistono un sacco di basi e anche più buone. :)

    RispondiElimina
  10. Io ho una ricetta di pan di spagna regalata. Le ricette che mi piacciono di più: uova farina zucchero e stop. Una specie di miracolo al quale aggiungere a piacimento scorzetta di limone e/o vaniglia (;-)).
    Questa tua la provo sicuro!!!
    Bacibaci, bella. ;)

    RispondiElimina
  11. ma che delizia! é troppo carino!

    buona serata
    spery

    RispondiElimina
  12. Semplice e delizioso questo cake e anche i bimbi sono accontentati! slurp! :)

    RispondiElimina
  13. Bella. Bellissima. Classica e nuova al tempo stesso.
    Nuovo anche il trucco della ciotola calda che sfrutterò al momento opportuno!

    RispondiElimina
  14. wow, dev'essere buonissima questa torta *O*!!!

    RispondiElimina
  15. ottimo il cake e quella glassa mi fa molto gola :P
    bella la foto!

    RispondiElimina
  16. allegrissima questa torta, porta gioia in tavola

    RispondiElimina
  17. Con una torta del genere fai anche la mia di gioia, che tanto bimba non lo sono più... ma dai, quanto sono carine le decorazioni per i dolci? Le adoro! :-)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  18. posso dire che adoro i confettini colorati? mi mettono un'allegria pazzesca!

    RispondiElimina
  19. Sai, non sono mai stata una "da Pan di Spagna"... ho sempre preferito i dolci umidi, quelli più avvolgenti, e se devo scegliere una "base" della pasticceria allora vado di frolla, da sempre. Però ha il suo fascino, come lo descrivi tu. Il sapore vintage, l'aria da "credenza della nonna", l'idea rassicurante di una torta sempre buona, infantile, ma solo nell'immaginario.

    Mi sono persa qualche tuo post, purtroppo l'Università ha preso dei ritmi davvero folli... non mi sono dimenticata del nostro caffè + giro in libreria, anzi. Ho solo bisogno di un po' di tempo libero per davvero ;)

    Un abbraccio :)
    A presto.

    A.

    RispondiElimina
  20. bellissimi quei confettini colorati che scrocchiano sotto i denti :-D

    RispondiElimina
  21. E' una torta "ruffiana", impossibile che non conquisti tutti! :-)

    RispondiElimina
  22. Ciao Pips, è da un pò che non passo a salutarti e trovo questa torta che aspetta solo di essere affettata e accompagnata da una tazza di the fumante.

    Anche io non amo il pan di spagna tradizionale, preferisco questo genee di dolci, un pò più consistenti e profumati, da poter mangiare anche senza creme.

    Visto he oggi è il mio non compleanno aggiungo le candeline e soffio!!

    ciao loredana

    RispondiElimina
  23. Buonissima questa torta, bella la versione cake!Ciao

    RispondiElimina
  24. Ciao!!!
    Che buona questa torta pan di spagna!!!
    Credo proprio che dovresti cercare, proprio come i cookies (che tra l'altro ho provato e sono micidiali!), di trovare la ricetta perfetta anche del pan di spagna! Ci sono mille ricette, una diversa dall'altra, ma alla fine quello definito il TOP DEL TOP, io almeno ancora non l'ho trovato!
    Se ti va passa da me, ho un premio per te!
    Ciao, un bacio!

    RispondiElimina
  25. Bellissimo blog!! Passa a trovarmi se ti fa piacere!

    RispondiElimina
  26. mi hai illuminata con questo trucco della ciotola calda!lo devo assolutamente provare perche mi sembra che sia molto sensato!

    RispondiElimina
  27. La torta è davvero allegra, se potessi ne agguanterei una fettona. P.S. grazie per i trucchetti (quello della ciotola non lo conoscevo nemmeno io).
    Camy

    RispondiElimina
  28. Una bellissima torta rustica e allegra!! Un bacione!

    RispondiElimina
  29. bella la dritta della ciotola calda! in effetti non è un pan di spagna, ma la sensazione di morbidezza è proprio quella :) ti sembrerà strano ma io ho la nonna paterna che va matta per i confettini colorati: non è festa senza quelli! 87 anni e non sentirli :D
    un caro saluto

    RispondiElimina
  30. Me and ozzy fucked tougher, trying to show to my god!
    FUCK YES!' just before cumming inside my warm pussy. were still fucking

    My website; hcg injections

    RispondiElimina